Il GruppoI MarchiInvestor RelationsMediaCareers

Siete in: Home > Media > Stampa > Comunicati Stampa

linkedin   Invia questa pagina a un amico  Stampa questa pagina

Comunicati Stampa


Cerca comunicati


È possibile selezionare i comunicati stampa
in base alla tipologia e/o per anno di diffusione.
I comunicati stampa sono accompagnati
da una selezione di immagini a corredo del comunicato.
 


Cerca


Scarica in formato PDF

Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.P.A. approva i risultati dell'esercizio 2019


11/03/2020

I RISULTATI DELL’ESERCIZIO 2019

Positiva performance delle vendite guidata dalla crescita dei principali marchi di proprietà Carrera, Polaroid e Smith

L’efficace esecuzione del programma di risparmio costi segna il primo importante passo verso una Safilo profittevole

principali dati economici e finanziari delle attività in continuità4 2019 (pre-IFRS 16), se non diversamente specificato:

  • Vendite nette pari a 939,0 milioni di euro, +3,1% a cambi correnti e +0,9% a cambi costanti. 
  • Ricavi del business wholesale2 in crescita del 2,8% a cambi costanti;
  • EBITDA adjusted3 pari a 51,8 milioni di euro (5,5% delle vendite), rispetto a 57,3 milioni di euro nel 2018*;
  • Risultato netto adjusted3 pari a una perdita di 4,0 milioni di euro, rispetto a una perdita di 14.0 milioni di euro nel 2018*;Indebitamento netto di Gruppo delle attività totali pari a 27,8 milioni di euro rispetto a 32,9 milioni di euro nel 2018.
  • Poste non ricorrenti pari a 295,9 milioni di euro, principalmente dovute alla svalutazione non monetaria dell’intero avviamento compiuta nel primo semestre 2019 e al piano di ristrutturazione in Italia annunciato il 10 dicembre 2019. * I risultati economici 2018 includono un provento di 39 milioni di euro per la risoluzione anticipata del contratto di licenza Gucci.

Padova, 11 marzo 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.p.A. ha approvato oggi il bilancio consolidato per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 20191 e ha esaminato il progetto di bilancio al 31 dicembre 20191, che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti che si terrà il 28 aprile 2020 in unica convocazione.

Il Consiglio di Amministrazione non ha ritenuto opportuno proporre la distribuzione di un dividendo alla prossima Assemblea degli Azionisti.

Angelo Trocchia, Amministratore Delegato di Safilo, ha commentato:

“Nel 2019 abbiamo proseguito il lavoro intrapreso nel 2018, per dare fondamento allo sviluppo delle nostre strategie e dei nostri obiettivi di medio termine. I nostri sforzi e progetti si sono concentrati sul rafforzare la fiducia dei clienti in Safilo, migliorando esponenzialmente i nostri livelli di servizio e customer care, rimodellando nel contempo l'organizzazione commerciale attorno a forti competenze provenienti dal nostro settore e decentralizzando le responsabilità a livello locale.  

I risultati economici che abbiamo raggiunto nel 2019 sono stati confortanti, in linea con gli obiettivi che ci eravamo prefissati e che avevamo condiviso con il mercato, e questo grazie a un efficace execution plan per recuperare crescita nel nostro business wholesale2 e ripristinare un margine EBITDA adjusted3 mid-single digit attraverso un rigoroso piano di riduzione dei costi.

Nel 2019, i nostri ricavi wholesale2 sono cresciuti del 2,8% a cambi costanti, anche grazie al contributo positivo di tutti i nostri principali marchi di proprietà, Carrera, Polaroid e Smith, che hanno insieme registrato una crescita delle vendite del 5,7% a cambi costanti. Questo risultato è per noi particolarmente incoraggiante e rafforza la scelta strategica di focalizzare le nostre competenza commerciali e i nostri investimenti in un numero minore di mercati, quelli più rilevanti per i marchi.

Il 2019 è stato un anno significativo anche per il nostro portafoglio di licenze, un anno ricco di importanti rinnovi, da Tommy Hilfiger e Kate Spade, a Hugo Boss e Marc Jacobs, e di quattro nuove entusiasmanti partnership, Missoni, Levi’s, David Beckham e Under Armour. Consideriamo quanto abbiamo ottenuto nel 2019 un’importante conferma della rilevanza che Safilo riveste nel licensing eyewear, nel quale rimaniamo fortemente impegnati a ricoprire un ruolo di primo piano.

Sul piano della redditività, abbiamo raggiunto il risultato che ci eravamo prefissati, un margine EBITDA adjusted3 delle attività in continuità4 al 5,5%, grazie ai risparmi ottenuti nell’area del costo del venduto e alle azioni di contenimento delle spese generali. Il profilo patrimoniale è rimasto solido, con una posizione finanziaria netta a fine dicembre di 27,8 milioni di euro e una leva finanziaria adjusted3 di 0,5x.

Possiamo considerare il 2019 come un anno di trasformazione per Safilo, nel quale abbiamo deciso di uscire dal business retail, vendendo il 1° luglio 2019 la catena di negozi Solstice negli Stati Uniti, un anno in cui abbiamo affrontato la decisione da parte del gruppo LVMH di internalizzare il business dell’eyewear, e in cui abbiamo deciso di perseguire in maniera più netta una strategia di trasformazione digitale, che ci ha portato all'acquisizione di nuovi marchi con forti e specifiche competenze.

Il mese di dicembre 2019 è stato un momento di svolta per il nostro Gruppo, nel quale abbiamo annunciato l'acquisizione di Blenders, marchio californiano digitally native in rapida crescita, che entrerà a far parte del nostro portafoglio di marchi proprietari, diventando il principale motore di supporto per lo sviluppo delle nostre competenze e del nostro business Direct-to-Consumer.

Un fronte, quest'ultimo, che rappresenta un pilastro del Group Business Plan 2020-2024 che abbiamo presentato nello stesso mese di dicembre e che ci ha visti anche affrontare la necessità di dare un nuovo corso alla nostra organizzazione industriale, ridimensionando la capacità produttiva in Italia alle nostre future esigenze, salvaguardando la competitività e solidità finanziaria dell’azienda nel lungo termine.

Il 2020 è iniziato all'insegna della nostra nuova direzione strategica, con l'acquisizione a febbraio di Privé Revaux, un nuovo brand che va ulteriormente ad arricchire il nostro portafoglio di marchi proprietari e si inserisce a forte supporto della nostra strategia digitale incentrata sui Millennial, con l’obiettivo di rafforzare un modello di marketing focalizzato sul consumatore.

Dopo un inizio d’anno molto promettente per tutti i nostri principali marchi di proprietà e licenze, stiamo affrontando ora le sfide poste dallo scoppio e dalla diffusione del coronavirus, monitorandone da vicino gli impatti e pianificando azioni di mitigazione.”

Cessione delle attività retail Solstice

Il 1° luglio 2019 Safilo ha comunicato il closing della transazione per la cessione delle attività retail Solstice per un corrispettivo in contanti di 9,0 milioni di dollari. Tali attività in discontinuità hanno generato una perdita complessiva di 26,1 milioni di euro, di cui 17,3 milioni di euro relativi alla minusvalenza da cessione e 8,8 milioni di euro dovuti al risultato netto della catena nel periodo.

I risultati economico-finanziari 2019 e relativi commenti sono forniti con riferimento alle attività in continuità del Gruppo, escluso il business retail Solstice.

PRIMA APPLICAZIONE IFRS 16

Il Gruppo ha scelto di adottare l'IFRS 16, applicando l'approccio retrospettivo modificato, in base al quale l'effetto cumulativo dell'adozione del principio è stato riconosciuto alla relativa data di efficacia del 1° gennaio 2019, senza la rideterminazione delle informazioni comparative relative al 2018.

L'IFRS 16 ha un impatto significativo sullo stato patrimoniale consolidato del Gruppo per effetto dei Diritti d'Uso delle attività e dei Debiti finanziari per leasing che sono ora riconosciuti per i contratti in cui il Gruppo è locatario.

Nel conto economico consolidato, la maggior parte dei costi correnti di noleggio operativo viene ora presentata come ammortamento del diritto d'uso di beni e rilevazione degli interessi passivi sulle passività finanziarie dei leasing, con un significativo impatto positivo in termini di EBITDA e un effetto minore sul risultato operativo e sull'utile netto.

I risultati economico-finanziari 2019 sono commentati su base pre-IFRS 16 al fine di supportare la transizione e consentire un confronto adeguato con il periodo precedente.


POSTE 2019 NON RICORRENTI

Svalutazioni non monetarie dell’avviamento e di altre attività

Ai fini del bilancio annuale, il Gruppo ha effettuato l’impairment test, che non ha richiesto svalutazioni non monetarie ulteriori rispetto a quella, già effettuata a giugno 2019, dell'intero avviamento iscritto a bilancio, pari a 227,1 milioni di euro, mentre è stata aggiornata da 23,3 a 22,4 milioni di euro quella relativa alle attività per imposte anticipate. A seguito dell'annuncio, in data 10 dicembre 2019, di un piano di ristrutturazione in Italia, il Gruppo ha proceduto a una svalutazione non monetaria di immobilizzazioni materiali per 9,0 milioni di euro.

Costi non ricorrenti

I risultati economici 2019 includono costi non ricorrenti per un totale di 39,4 milioni di euro, relativi per 21 milioni di euro al suddetto piano di ristrutturazione in Italia, al programma di riduzione dei costi effettuato dalla Società nel corso dell'anno, e alle attività legate ad acquisizioni e cessioni. Il risultato netto dell’esercizio riflette anche un effetto imposte positivo sugli stessi costi non ricorrenti, pari a 1,9 milioni di euro.

VENDITE NETTE ANNUALI PER AREA GEOGRAFICA DELLE ATTIVITà IN CONTINUITà4


Safilo ha chiuso l’esercizio 2019 con le vendite nette che si sono attestate a 939,0 milioni di euro, in crescita del 3,1% a cambi correnti e dello 0,9% a cambi costanti, rispetto ai 910,7 milioni di euro registrati nel 2018. Nella seconda parte dell'anno, l'andamento delle vendite in Europa è stato influenzato dall'atteso declino del business di fornitura Kering, una contrazione che si è materializzata principalmente nel 4 ° trimestre.

Nel 2019, i ricavi wholesale2 sono aumentati del 5,2% a cambi correnti e del 2,8% a cambi costanti. Questa performance è stata trainata dal buon andamento del business in Europa, in crescita del 3,2%, mentre è rimasta leggermente negativa, dello 0,6%, in Nord America, nonostante il recupero registrato dal mercato nel 4° trimestre. Sono risultati significativi i progressi in Asia, in crescita del 19,2% a cambi costanti, mentre le vendite nel Resto del Mondo hanno registrato un miglioramento dell’1,1% grazie alla crescita mid-single digit registrata in America Latina.

La performance wholesale2 dell’anno si deve ai buoni risultati raggiunti dai principali marchi di proprietà, Carrera, Polaroid e Smith, in crescita complessivamente del 5,7% a cambi costanti, e alle performance positive dei principali marchi in licenza.

VENDITE NETTE DEL 4° TRIMESTRE PER AREA GEOGRAFICA DELLE ATTIVITà IN CONTINUITà4


Nel 4° trimestre 2019, le vendite nette sono risultate pari 230,4 milioni di euro, in calo del 2,8% a cambi correnti e del 4,3% a cambi costanti, a causa del sopra citato e atteso rallentamento del business di fornitura Kering (rinnovato fino alla fine del 2023).

Nel trimestre, i ricavi wholesale2 sono risultati in crescita dell’1,8% a cambi correnti e dello 0,1% a cambi costanti, registrando, da una parte, il sopracitato recupero del business nordamericano, pari a un +4,2%, e la continua progressione dell’area Asia e Pacifico, in crescita dell’8,9%, dall’altra, un rallentamento del 4,0% in Europa, evidenziatosi principalmente a causa di un trimestre comparativo 2018 in forte ripresa. Le vendite nel Resto del Mondo sono diminuite del 3,4% a cambi costanti, a causa di una decelerazione del business in Messico dopo la forte performance registrata nei primi nove mesi dell'anno.

PRINCIPALI DATI ECONOMICI ANNUALI DELLE ATTIVITà IN CONTINUITà4, se non diversamente specificato:


Su base pre-IFRS 16:

Nel 2019, l’utile industriale lordo è aumentato del 5,3% a 477,2 milioni di euro rispetto ai 453,2 milioni di euro registrati nel 2018, con il margine sulle vendite che è cresciuto al 50,8% dal 49,8% dell’anno precedente.

Va sottolineato che l'utile industriale lordo 2019 include una svalutazione delle immobilizzazioni materiali, per un importo di 6,6 milioni di euro, contabilizzata nel 4° trimestre dell’anno in relazione all'annunciata ristrutturazione in Italia. Escludendo questo importo non ricorrente, l'utile industriale lordo 2019 è aumentato del 6,8%, mentre il margine è migliorato di 170 punti base rispetto al 2018. Tale performance riflette in particolare il risparmio costi realizzato nelle attività di sourcing, i minori costi di obsolescenza e un mix di vendita più favorevole.

Sotto l'utile industriale lordo:

  • l'EBITDA adjusted3 ha raggiunto 51,8 milioni di euro e un margine sulle vendite nette del 5,5%, riportando un calo del 9,6% rispetto ai 57,3 milioni di euro registrati nel 2018 (6,3% sulle vendite);
  • il risultato operativo adjusted3 è stato pari a 4,2 milioni di euro e a un margine sulle vendite nette dello 0,5%, riportando un calo del 68,6% rispetto ai 13,5 milioni di euro registrati nel 2018 (1,5% sulle vendite);
  • gli oneri finanziari netti sono risultati pari a 5,8 milioni di euro rispetto ai 13,8 milioni di euro del 2018, grazie al minor indebitamento netto medio e a un impatto neutro delle differenze cambio;
  • il risultato netto adjusted3 è stato pari a una perdita di 4,0 milioni di euro e a un margine sulle vendite di -0,4%, registrando un miglioramento del 71,8% rispetto alla perdita di 14,0 milioni di euro registrata nel 2018 (-1,5% sulle vendite).

Nel confrontare i risultati 2019 con l’anno precedente, è importante ricordare che i dati 2018 includevano un provento di 39,0 milioni di euro per la risoluzione anticipata della licenza Gucci. Escludendo tale provento dal periodo comparativo, l’esercizio 2019 ha evidenziato un significativo recupero della performance economica di Gruppo, con l’EBITDA, il risultato operativo e il risultato netto adjusted3 in miglioramento esponenziale rispetto al 2018, e i margini in aumento rispettivamente di 350, 330 e 540 punti base.

PRINCIPALI DATI ECONOMICI DELLE ATTIVITà IN CONTINUITà4 DEL 4° TRIMESTRE


Su base pre-IFRS 16:

Come precedentemente evidenziato, l'utile industriale lordo del 4° trimestre 2019 includeva una svalutazione delle immobilizzazioni materiali, per un importo di 6,6 milioni di euro, dovuta all'annunciata ristrutturazione in Italia, che spiega il calo del 5,8% registrato nel periodo. Escludendo questa voce non ricorrente, l'utile industriale lordo del 4 ° trimestre 2019 è aumentato leggermente, dello 0,3%, rispetto allo stesso trimestre 2018, con un margine industriale lordo in miglioramento di 140 punti base.

L'EBITDA adjusted3 del 4 ° trimestre 2019 è stato pari a 7,9 milioni di euro, con un margine sulle vendite nette pari al 3,4%. Questo risultato si confronta con i 13,3 milioni di euro registrati nel 4° trimestre 2018, che includeva tuttavia un provento di 9,8 milioni di euro per la risoluzione anticipata della licenza Gucci.

Escludendo tale provento dal periodo comparativo, il margine EBITDA adjusted3 del 4° trimestre 2019 è migliorato di 190 punti base rispetto al 4° trimestre 2018.

PRINCIPALI FLUSSI DI CASSA DELLE ATTIVITà TOTALI


Su base pre-IFRS 16:

Il Free Cash Flow 2019 è stato pari a un assorbimento di 13,8 milioni di euro rispetto al flusso negativo di 25,6 milioni di euro registrato nel 2018.

Nel periodo il flusso monetario da attività operative è stato positivo per 9,6 milioni di euro, beneficiando di un significativo miglioramento della performance operativa e di un andamento più favorevoli del capitale circolante netto rispetto al 2018.

Nel 2019, il flusso di cassa per attività di investimento è stato di 23,4 milioni di euro, dovuto a investimenti totali netti di 30,6 milioni di euro, principalmente in ambito industriale, logistico e per nuovi sistemi IT, parzialmente controbilanciato dal provento derivante dalla cessione del business retail.

A fine dicembre 2019, l'indebitamento finanziario netto del Gruppo era pari a 27,8 milioni di euro rispetto ai 32,9 milioni di euro registrati a fine dicembre 2018 e ai 24,3 milioni di euro a fine settembre 2019. La posizione riflette le suddette dinamiche di Free Cash Flow e gli ultimi proventi, ricevuti il 2 gennaio 2019 e pari a 17,7 milioni di euro, derivanti dall'aumento di capitale eseguito nel 2018. A fine dicembre 2019, la leva finanziaria adjusted3 era pari a 0,5x rispetto a 0,7x a fine dicembre 2018.

Su base post-IFRS 16, l'indebitamento finanziario netto del Gruppo è stato pari a 74,8 milioni di euro.

OUTLOOK 2020

Il 10 dicembre 2019, nel contesto dell’annuncio del Group Busines Plan 2020-2024, Safilo ha comunicato le sue previsioni per il 2020, pari a vendite nette tra 960 e 1.000 milioni di euro, un margine EBITDA adjusted (pre-IFRS 16) a circa il 6% delle vendite e una leva finanziaria di 1-1,5x.

Le stime del Gruppo includono l'acquisizione di Blenders, firmata e comunicata l'8 dicembre 2019 e ancora da chiudere alla data odierna, mentre non includono l'acquisizione di Privé Revaux, firmata e contemporaneamente chiusa il 10 febbraio 2020. Le previsioni per il 2020 non includono inoltre alcun potenziale impatto derivante dall'attuale epidemia e diffusione di COVID-19 (coronavirus). Tale circostanza, straordinaria per natura e estensione, ha ripercussioni, dirette e indirette, sull’attività economica e ha creato un contesto di generale incertezza, le cui evoluzioni e i relativi effetti non sono attualmente prevedibili. Il Gruppo sta lavorando attivamente per affrontare le sfide dell’attuale contesto e sta monitorando attentamente i potenziali impatti, implementando nel contempo azioni di mitigazione.

Altre deliberazioni del Consiglio di Amministrazione

Approvazione del Bilancio di Sostenibilità

Contestualmente alla relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2019, il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.p.A. ha approvato il Bilancio di Sostenibilità relativo all’anno 2019, in linea con l’obbligo di rendicontazione non finanziaria, previsto dal D.Lgs. 254/2016, per le società quotate.

Modifiche allo Statuto Sociale

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato alcune modifiche allo statuto sociale al fine di adeguarlo alle disposizioni inderogabili della Legge n. 160/2019, che ha modificato la disciplina in materia di equilibrio tra i generi negli organi sociali delle società quotate.

Il verbale delle deliberazioni adottate e lo statuto modificato saranno messi a disposizione del pubblico con le modalità e nei termini di legge.

Note al comunicato stampa:

  1. Il processo di revisione contabile del bilancio consolidato e del progetto di bilancio d’esercizio è attualmente in fase di completamento.
  2. Il business wholesale esclude il business di fornitura Kering, riportato all'interno dell'area geografica denominata Europa.
  3. Nel 2019, i risultati economici adjusted delle attività in continuità non includono: (i) la svalutazione dell'intero avviamento allocato alle cash generating unit del Gruppo per 227,1 milioni di euro, (ii) la svalutazione delle attività per imposte anticipate per 22,4 milioni di euro, (iii) la svalutazione di immobilizzazioni materiali per 9,0 milioni di euro dovuta al piano di ristrutturazione in Italia, annunciato il 10 dicembre 2019, (iv) oneri non ricorrenti per 39,4 milioni di euro, relativi per 21 milioni di euro al suddetto piano di ristrutturazione in Italia, al programma di riduzione dei costi effettuato dalla Società nel corso dell'anno, e alle attività legate ad acquisizioni e cessioni. Il risultato netto dell’esercizio riflette anche un effetto imposte positivo sugli stessi costi non ricorrenti, pari a 1,9 milioni di euro. 
  4. Nel 2018, i risultati economici adjusted non includevano oneri non ricorrenti pari a 5,8 milioni di euro, principalmente dovuti al piano di successione dell’Amministratore Delegato e oneri di riorganizzazione in Nord America ed Europa, e includevano un provento di 39,0 milioni di euro quale importo di pertinenza dell’esercizio 2018, relativo ai 90 milioni di euro per la risoluzione anticipata del contratto di licenza Gucci.
  5. Nel 4° trimestre 2019, l’EBITDA adjusted non include oneri non ricorrenti pari a 29,0 milioni di euro, quota parte dei 39,4 milioni di euro sopra indicati di competenza del trimestre.

Nel 4° trimestre 2018, l’EBITDA adjusted non includeva oneri non ricorrenti pari a 1,3 milioni di euro, e includeva un provento di 9,8 milioni di euro, quale quota parte dell’importo contabilizzato nell’anno per la risoluzione anticipata del contratto di licenza Gucci.

  1. Le attività in continuità escludono il business retail ceduto il 1° luglio 2019.
  2. Nel 2019, i risultati economici adjusted delle attività totali escludono anche oneri non ricorrenti relativi alle attività retail in discontinuità quali: (i) 17,3 milioni di euro per la minusvalenza da cessione e (ii) 1,3 milioni di euro per altri oneri non ricorrenti. 

Appendice

PRINCIPALI DATI ECONOMICI DELLE ATTIVITà TOTALI


Dichiarazione del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari Dott. Gerd Graehsler dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Disclaimer

Il documento potrebbe contenere dichiarazioni previsionali (“forward-looking statements”), relative a futuri eventi e risultati operativi, economici e finanziari del Gruppo Safilo. Tali previsioni hanno per loro natura una componente di rischiosità ed incertezza, in quanto dipendono dal verificarsi di eventi e sviluppi futuri. I risultati effettivi potranno discostarsi in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori.

Indicatori alternativi di performance

Viene di seguito fornito il contenuto degli “Indicatori alternativi di performance”, non previsti dai principi contabili IFRS-EU, utilizzati nel presente comunicato al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-finanziaria del Gruppo:

  • L’EBITDA (margine operativo lordo) è calcolato da Safilo sommando all’utile operativo gli ammortamenti;
  • L’indebitamento finanziario netto è per Safilo la somma dei debiti verso banche e dei finanziamenti a breve e medio lungo termine, al netto della cassa attiva.
  • Il Free Cash Flow è per Safilo la somma del flusso monetario generato/(assorbito) dalla gestione operativa e del flusso monetario generato/(assorbito) dall’attività di investimento.

Conference Call

Si terrà oggi, alle ore 18.30 locali, la conference call con analisti e investitori, nel corso della quale verranno illustrati i risultati dell’esercizio 2019.

Sarà possibile seguire la conference call componendo i numeri +39 06 87502026, +33 1 76700794, +44 844 5718892 o +1 631 5107495 (per i giornalisti 39 06 87500896) e confermando il codice di accesso: SAFILO.

La registrazione della conference call sarà disponibile fino al 13 marzo 2020 ai numeri +39 06 99721048, +44 844 5718951 o +1 917 6777532 (codice di accesso: 3193195).

La conference call potrà essere seguita in diretta anche attraverso live webcast, al seguente indirizzo: https://edge.media-server.com/mmc/go/SafiloFY2019Results.







Safilo

Safilo è un leader nel design, nella produzione e nella distribuzione di occhiali da sole, montature da vista, prodotti e occhiali sportivi. Grazie a una expertise manifatturiera che risale al 1878, Safilo traduce progetti di design in prodotti di alta qualità, realizzati secondo la tradizione italiana. Con filiali dirette in 40 Paesi – in Nord America e America Latina, Europa, Medio Oriente e Africa, Asia-Pacifico e Cina – e un network globale di più di 50 partner, Safilo distribuisce in circa centomila punti vendita selezionati in tutto il mondo. Il portfolio di Safilo comprende i brand di proprietà – Carrera, Polaroid, Smith, Safilo, Privé Revaux – e i marchi in licenza: Dior, Dior Homme, Fendi, Banana Republic, BOSS, David Beckham, Elie Saab, Fossil, Givenchy, havaianas, HUGO, Jimmy Choo, Juicy Couture, kate spade new york, Levi’s, Liz Claiborne, Love Moschino, Marc Jacobs, Max Mara, Missoni, M Missoni, Moschino, Pierre Cardin, rag&bone, Rebecca Minkoff, Saks Fifth Avenue, Swatch e Tommy Hilfiger.

Quotata alla Borsa Italiana (ISIN code IT0004604762, Bloomberg SFL.IM, Reuters SFLG.MI), Safilo nel 2019 ha realizzato un fatturato netto di 939 milioni di euro.

Contatti:

Safilo Group Investor Relations

Barbara Ferrante

Tel. +39 049 6985766

http://investors-en.safilogroup.com

Safilo Group Press Office

Antonella Leoni

Milano – Tel. +39 02 77807607

Padova – Tel. +39 049 6986021


Ultima modifica: 11/03/2020, 19:02



© 2009-2020 Safilo Group S.p.A. - P.IVA 03032950242. Riproduzione vietata.

Certificazioni | Accessibilità | Legal Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy | Feedback | RSS | safilo.com