Il GruppoI MarchiInvestor RelationsMediaCareers

Siete in: Home > Media > Stampa > Comunicati Stampa

linkedin   Invia questa pagina a un amico  Stampa questa pagina

Comunicati Stampa


Cerca nell'archivio


È possibile selezionare i comunicati stampa
in base alla tipologia e/o per anno di diffusione.
I comunicati stampa sono accompagnati
da una selezione di immagini a corredo del comunicato.
 


Cerca


Scarica in formato PDF

Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.p.A. approva i risultati dell'esercizio 2013


05/03/2014
Padova, 5 marzo 2014 – Il Consiglio di Amministrazione di Safilo Group S.p.A. ha approvato oggi il bilancio consolidato 20131 e ha esaminato il progetto di bilancio d’esercizio al 31 dicembre 20131 che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti che si terrà il 15 aprile 2014 in unica convocazione.

Il Gruppo ha chiuso il 2013 con un giro d’affari a cambi costanti molto vicino a quello realizzato nel 2012 e ha migliorato il margine EBITDA adjusted3 di 110 punti base.

Il fatturato complessivo ha risentito dell’impatto negativo dei cambi e del phase-out di alcune licenze, cosa che ha però anche favorito il miglioramento della marginalità grazie a un più ricco mix delle vendite ora concentrate sul portafoglio dei brand in continuità, e un parallelo miglioramento nella gestione ordinaria del business.

Anche nel quarto trimestre dell’anno è stata nuovamente a doppia cifra la progressione delle vendite organiche2, che hanno raggiunto tassi di crescita sostenuti in molti dei mercati, dei brand e dei canali di riferimento del business eyewear.

Nel 2013, Safilo ha registrato una significativa riduzione dell’indebitamento finanziario netto e un forte recupero della leva finanziaria, con il rapporto tra indebitamento finanziario netto e EBITDA adjusted3 che ha raggiunto il livello minimo storico per Safilo di 1,5 volte.

I risultati dell’esercizio hanno confermato la rinnovata forza economica e patrimoniale del Gruppo Safilo in un anno di transizione del business e di persistente fragilità economica in molti dei suoi mercati di riferimento.

Principali dati economico-finanziari

Luisa Delgado, Amministratore Delegato del Gruppo Safilo, ha commentato:

“Siamo soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto nell’anno 2013: la nostra priorità strategica è stata quella di crescere in modo organico andando a sostituire il più possibile le licenze Armani attraverso un ampio sviluppo del portafoglio marchi, focalizzandoci sulla redditività del nostro business e consolidando la struttura patrimoniale e finanziaria del Gruppo.

Abbiamo raggiunto questi obiettivi, dimostrando che il nostro portafoglio marchi è altamente diversificato e competitivo, la nostra organizzazione agile e al tempo stesso solida, e molte le nostre opportunità per un ulteriore sviluppo futuro. Safilo sta lavorando sulle proprie capacità e attitudini per cogliere in modo sistematico queste opportunità”.

Performance economico-finanziaria

Nel 2013, il fatturato totale del Gruppo ha raggiunto 1.121,5 milioni di euro rispetto ai 1.175,3 milioni di euro nell’esercizio 2012 (-1,9% a cambi costanti e -4,6% a cambi correnti).
Nell’anno, il fatturato wholesale è passato a 1.041,5 milioni di euro da 1.094,6 milioni di euro nel 2012 (-2,2% a cambi costanti e -4,8% a cambi correnti), mentre il business retail Solstice negli Stati Uniti ha registrato vendite pari a 80 milioni di euro (+2,4% a cambi costanti e -0,9% a cambi correnti).

Negli ultimi tre mesi dell’anno, le vendite nette si sono attestate a 279,7 milioni di euro rispetto ai 312,9 milioni di euro dello stesso periodo 2012 (-6,9% a cambi costanti e -10,6% a cambi correnti), con il fatturato wholesale pari a 261,5 milioni di euro da 293,7 milioni di euro nello stesso trimestre 2012 (-7,3% a cambi costanti e -10,9% a cambi correnti).
A parità di cambi, le vendite dei negozi Solstice sono rimaste sostanzialmente stabili rispetto allo stesso trimestre 2012 (18,2 milioni di euro, -0,4% a cambi costanti e -5,3% a cambi correnti).

Nel corso dell’intero esercizio, Safilo ha registrato una considerevole crescita del business organico2 che ha permesso di contrastare efficacemente i due temi dominanti dell’anno, l’impatto negativo dei cambi e l’uscita dei marchi in phase-out nel 2012 che avevano generato vendite particolarmente significative nel quarto trimestre 2012.
La performance del fatturato organico2 nei segmenti core degli occhiali da sole e delle montature da vista è risultata infatti a doppia cifra anche nel quarto trimestre, +12,8%, consolidando intorno al 12% il trend complessivo dell’anno.

Nel 2013, si sono confermati alla guida della crescita di Safilo i canali distributivi europei più forti in Germania, Francia e Regno Unito, il business travel retail e i principali mercati emergenti, dove il valore del portafoglio marchi si è espresso costantemente a tutti i livelli.
Nella fascia high-end hanno brillato i big della categoria, Gucci e Dior, così come è stata di grande rilievo in tutti i paesi la progressione di marchi come Jimmy Choo e Céline.
Nell’area fashion, le collezioni di Tommy Hilfiger, Boss Orange e Marc by Marc Jacobs hanno guadagnato spazio nei negozi dei grandi clienti e in nuovi mercati, mentre la performance positiva di Carrera è stata sostenuta dallo sviluppo del segmento vista in tutti i principali paesi.

Con riferimento alle aree geografiche, il fatturato annuo registrato in Europa è risultato pari a 470,8 milioni di euro, in leggero aumento rispetto ai 470,6 milioni di euro nel 2012 (+0,6% a cambi costanti e costante a cambi correnti), mentre è stata a doppia cifra la crescita delle vendite organiche2.
Nel quarto trimestre, il giro d’affari dell’area si è attestato a 119,1 milioni di euro rispetto ai 128,6 milioni di euro nel 2012 (-6,6% a cambi costanti e -7,4% a cambi correnti), con le vendite organiche2 che hanno confermato una crescita a doppia cifra grazie alla forza commerciale di Safilo in mercati come la Russia e la Turchia, ma anche al miglioramento di paesi quali la Spagna, il Portogallo e la stessa Italia.

Nell’anno, i ricavi totali nel mercato americano sono stati pari a 457,9 milioni di euro rispetto ai 488,7 milioni di euro nel 2012 (-2,5% a cambi costanti e -6,3% a cambi correnti).
Nel quarto trimestre il business ha totalizzato 108,4 milioni di euro rispetto ai 125,0 milioni di euro nel 2012 (-7,9% a cambi costanti e -13,3% a cambi correnti) ed è stato caratterizzato dalla performance positiva delle vendite organiche3 nel mercato nord americano, mentre sono rallentate le performance dei paesi dell’America Latina.

Nel mercato asiatico, Safilo ha chiuso l’anno con un fatturato pari a 177,5 milioni di euro rispetto ai 198,8 milioni di euro nel 2012 (-6,4% a cambi costanti e -10,7% a cambi correnti).
Il business del quarto trimestre ha più che confermato la crescita organica3 a doppia cifra registrata nel corso dell’anno, sulla quale hanno continuato a pesare in maniera rilevante l’uscita dei marchi in phase-out nel 2012 e la svalutazione dello Yen. A cambi e perimetro costanti, Cina, Thailandia, India e Giappone sono risultati i mercati dell’area più reattivi. Nel trimestre, il fatturato si è attestato a 47,1 milioni di euro rispetto ai 54,1 registrati nello stesso periodo 2012 (-7,2% a cambi costanti e -12,9% a cambi correnti).

Sotto il profilo economico e finanziario, nel 2013 Safilo ha ripreso velocità, recuperando il terreno perso durante il 2012 e facendo segnare alcuni risultati storici.

Anche nel quarto trimestre, la performance operativa del Gruppo è stata caratterizzata da un evidente miglioramento della marginalità lorda industriale frutto della crescita dei volumi organici di vendita e del forte apprezzamento della componente brand mix.
A questi fattori si sono uniti nel corso di tutto l’esercizio un’efficace e flessibile organizzazione del lavoro presso gli stabilimenti italiani e la costante riduzione dei livelli di obsolescenza.

Nel 2013, l’utile industriale lordo è aumentato a 683,7 milioni di euro rispetto ai 679,7 milioni di euro del 2012, registrando un considerevole incremento della marginalità al 61% dal 57,8% dell’esercizio precedente.
Nel quarto trimestre, l’utile industriale lordo si è attestato a 166,8 milioni di euro rispetto ai 170,6 milioni di euro dello stesso periodo 2012, mettendo a segno un miglioramento della marginalità di 510 punti base, al 59,6% dal 54,5% del quarto trimestre 2012.

Nel 2013, il risultato operativo di Gruppo è stato penalizzato da oneri non ricorrenti, pari a 10,1 milioni di euro, derivanti per 6,2 milioni di euro dal piano di successione al vertice avvenuto a ottobre 2013 e per 3,9 milioni di euro da alcuni interventi di ristrutturazione sull’area Europa.
Il risultato netto di pertinenza del Gruppo ha risentito inoltre di un accantonamento per rischi fiscali relativi a contenziosi aperti in Italia per gli anni che vanno dal 2007 al 2011, pari a 14 milioni di euro.

Escludendo tali poste, l’utile operativo lordo (EBITDA) adjusted3 ha raggiunto nell’anno 121,8 milioni di euro, in crescita del 5,8% rispetto ai 115,1 milioni di euro registrati nel 2012. Il margine EBITDA adjusted3 è invece migliorato di 110 punti base, portandosi al 10,9% delle vendite dal 9,8% del 2012.
Nel quarto trimestre, l’EBITDA adjusted3 è stato pari a 33,1 milioni di euro, registrando un incremento in valore assoluto del 13,6% rispetto ai 29,2 milioni di euro dello stesso periodo 2012 e del margine EBITDA adjusted3 di 260 punti base, all’11,9% dal 9,3% del quarto trimestre 2012.

Nel 2013, l’utile operativo (EBIT) adjusted3 si è attestato a 84,8 milioni di euro, in crescita del 14,8% rispetto ai 73,9 milioni di euro del 2012. La marginalità operativa adjusted3 è risultata in miglioramento di 130 punti base al 7,6% delle vendite dal 6,3% del 2012.
In forte recupero il risultato operativo adjusted3 del quarto trimestre, pari a 23,3 milioni di euro rispetto ai 17,0 milioni di euro dello stesso periodo 2012. Il margine operativo adjusted3 ha registrato un miglioramento di 290 punti base, portandosi all’8,3% delle vendite dal 5,4% nel quarto trimestre 2012.

Nel corso dell’intero esercizio gli oneri finanziari netti si sono sensibilmente ridotti, totalizzando nell’anno 22,6 milioni di euro rispetto ai 29,3 milioni di euro nel 2012. Nel 2013 si sono quasi dimezzati gli interessi passivi netti a carico del Gruppo, passati da 19,1 milioni di euro a 11,3 milioni di euro, grazie al definitivo rimborso del debito obbligazionario High Yield avvenuto a maggio 2013.

A fronte di un tax rate adjusted3 pari per l’anno al 34,5%, Safilo ha chiuso il 2013 con un risultato netto adjusted2 di Gruppo pari a 39,0 milioni di euro, in crescita del 50,7% rispetto ai 25,9 milioni di euro. Nel quarto trimestre, l’utile netto adjusted3 è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo 2012, portandosi a 11,7 milioni di euro rispetto ai 5,0 milioni di euro dell’anno precedente.

Principali dati di rendiconto

Nel 2013 è proseguita la generazione di cassa legata all’attività operativa, con un flusso monetario positivo pari a 68,6 milioni di euro che è stato influenzato da oneri non ricorrenti per circa 7 milioni di euro e da maggiori poste non monetarie.
Le attività d’investimento dell’anno sono rimaste stabili intorno ai 40 milioni di euro (41 milioni di euro nel 2012 al lordo dell’esborso per l’acquisizione di Polaroid) e nel quarto trimestre hanno incluso parte degli investimenti previsti per lo sviluppo e l’implementazione di SAP in Italia.

Il 2013 si è chiuso per Safilo con un indebitamento finanziario netto di 182,5 milioni di euro, sostanzialmente in linea con la posizione finanziaria registrata a fine settembre (180,7 milioni di euro) e in calo di circa 33 milioni di euro rispetto al 31dicembre 2012 (215,3 milioni di euro).
Tale risultato ha permesso a Safilo di raggiungere per l’anno una leva finanziaria adjusted3 di 1,5 volte, nuovo minimo storico dopo il miglioramento a 1,9 volte registrato nel 2012.

Sulla base dei risultati conseguiti e dell’attuale contesto di business, il Consiglio di Amministrazione non ha ritenuto opportuno proporre all’Assemblea degli Azionisti la distribuzione di un dividendo.

Evoluzione prevedibile della gestione

Dopo un biennio di transizione in cui il Gruppo ha saputo gestire con efficacia e determinazione la ridefinizione del perimetro di business, il 2014 si apre all’insegna della continuità e dell’ulteriore crescita del portafoglio marchi, oggi più ricco grazie al lancio di Fendi nei principali mercati internazionali.

Nell’ottantesimo anniversario della sua fondazione, Safilo rinnova l’obiettivo di dare solidità e nuovo slancio a tutte le principali componenti di business in grado di garantire lo sviluppo duraturo e profittevole del Gruppo, a cominciare dai marchi di proprietà, dai principali mercati emergenti e dai canali distributivi a maggior potenziale di crescita.

Sono questi i temi principali che guideranno l’azione strategica di Safilo nel 2014 insieme allo sviluppo dei programmi dedicati al miglioramento dei processi aziendali e dei relativi sistemi informativi.

------------------------------------------------

Altre informazioni

Il Consiglio di amministrazione di Safilo Group S.p.A. (di seguito, la “Società”), riunitosi oggi, ha definito, su proposta del Comitato per la Remunerazione e le Nomine, le linee generali di un Piano di Stock Option 2014-2016 (di seguito il “Piano”), da eseguirsi mediante l’assegnazione gratuita di opzioni per la sottoscrizione di azioni ordinarie Safilo Group S.p.A. di nuova emissione.
Il Piano è destinato ad un ristretto numero di amministratori e/o dirigenti della Società e/o delle sue controllate, che verranno individuati dal Consiglio di amministrazione, previo parere del Comitato per la Remunerazione e le Nomine, tra coloro che rivestono un ruolo rilevante ai fini del raggiungimento degli obiettivi strategici della Società (di seguito, i “Beneficiari”).
Il Piano è finalizzato alla creazione di valore per gli azionisti attraverso il miglioramento delle performance aziendali di lungo periodo e attraverso la fidelizzazione e la retention delle persone chiave per lo sviluppo del Gruppo con l'obiettivo di allineare gli interessi dei Beneficiari con quelli degli azionisti della Società.
In forza del Piano saranno emesse un numero massimo di 1.500.000 opzioni, che saranno assegnate gratuitamente ai Beneficiari al raggiungimento di determinati obiettivi di performance e che conferiranno a ciascuno di essi il diritto di sottoscrivere 1 azione ordinaria della Società per ogni opzione assegnata.
Il documento informativo concernente le caratteristiche del Piano, ivi comprese la descrizione delle modalità di attuazione del Piano e delle modalità e dei criteri per la determinazione del prezzo, sarà reso pubblico nei termini di legge prima dell’Assemblea chiamata ad approvare il suddetto Piano e convocata dall’odierno Consiglio di amministrazione per il 15 aprile 2014.
Le decisioni di attuazione del Piano saranno rese pubbliche ai sensi dell’art. 84-bis, comma 5 lettera a), del Regolamento Emittenti.
La suddetta Assemblea è stata, altresì, convocata in sede straordinaria per deliberare sulla proposta di aumento del capitale sociale a pagamento, anche in più tranches, scindibile, con esclusione del diritto di opzione ex articolo 2441, comma quarto, secondo periodo, del codice civile, al servizio del Piano, sino a massime n. 1.500.000 azioni ordinarie del valore nominale di Euro 5,00 cadauna, per massimi nominali Euro 7.500.000,00.


Note:

1 Il bilancio consolidato e il progetto di bilancio d’esercizio sono attualmente oggetto di revisione contabile, non ancora conclusa alla data odierna.

2 Sono escluse le vendite dei marchi Armani non rinnovati a fine 2012 e le vendite Polaroid realizzate nel primo trimestre 2013. La performance organica wholesale nei segmenti core degli occhiali da sole e delle montatura da vista è espressa a cambi costanti.

3 I risultati economici adjusted dell’esercizio 2013 non includono gli oneri non ricorrenti registrati nel secondo trimestre, pari a 7,4 milioni di euro, e nel quarto trimestre dell’anno, pari a 16,7 milioni di euro, per un totale complessivo di 24,1 milioni di euro (23,4 milioni di euro al netto dell’effetto fiscale).
Di questi, 10,1 milioni di euro fanno riferimento al piano di successione al vertice avvenuto a ottobre 2013 e ad alcuni interventi di ristrutturazione sull’area Europa, 14,0 milioni di euro sono invece attinenti ad un accantonamento per rischi fiscali relativi a contenziosi aperti in Italia per gli anni dal 2007 al 2011.

Dichiarazione del Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari Dott. Vincenzo Giannelli dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Disclaimer

Il documento potrebbe contenere dichiarazioni previsionali (“forward-looking statements”), relative a futuri eventi e risultati operativi, economici e finanziari del Gruppo Safilo. Tali previsioni hanno per loro natura una componente di rischiosità ed incertezza, in quanto dipendono dal verificarsi di eventi e sviluppi futuri. I risultati effettivi potranno discostarsi in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori.

Indicatori alternativi di performance

Viene di seguito fornito il contenuto degli “Indicatori alternativi di performance”, non previsti dai principi contabili IFRS-EU, utilizzati nel presente comunicato al fine di consentire una migliore valutazione dell’andamento della gestione economico-finanziaria del Gruppo:

• L’EBITDA (margine operativo lordo) è calcolato da Safilo sommando all’utile operativo gli ammortamenti;
• L’indebitamento finanziario netto è per Safilo la somma dei debiti verso banche e dei finanziamenti a breve e medio lungo termine, al netto della cassa attiva;
• Il Capitale investito netto è definito per Safilo quale somma dell’Attivo corrente e dell’Attivo non corrente al netto del Passivo corrente e del Passivo non corrente ad eccezione delle voci precedentemente considerate nella Posizione finanziaria netta;
• Il Free Cash Flow è per Safilo la somma del flusso monetario generato/(assorbito) dalla gestione operativa e del flusso monetario generato/(assorbito) dall’attività di investimento.

Conference Call

Si terrà oggi, 5 marzo 2014, alle ore 18.30 locali, la conference call con analisti e investitori, nel corso della quale verranno illustrati i principali risultati dell’esercizio 2013.
Sarà possibile seguire la conference call componendo il numero +39 06 87500874, +44 203 4271912 o +1 646 2543367 (per i giornalisti +39 06 99749000) e confermando il codice di accesso 9288105.
La registrazione della conference call sarà disponibile fino al 7 marzo 2014 al numero +39 06 45217196, +44 203 4270598 o +1 347 3669565 (codice di accesso: 9288105). La conference call potrà essere seguita anche attraverso webcast, nel sito www.safilo.com/it/investors.html. La presentazione è disponibile e scaricabile dal sito della società.

Avviso di convocazione dell’Assemblea ordinaria degli azionisti

Nei prossimi giorni l’avviso di convocazione dell'Assemblea verrà pubblicato e sarà quindi reso disponibile nel sito internet della Società all’indirizzo www.safilo.com/it/investors.html, dove saranno messe a disposizione del pubblico anche le relazioni illustrative degli amministratori all'Assemblea sulle proposte concernenti gli argomenti posti all’ordine del giorno.






























Ultima modifica: 05/03/2014, 18:04



© 2018 Safilo Group S.p.A. - P.IVA 02952600241. Riproduzione vietata.

Certificazioni | Accessibilità | Legal Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy | Feedback | RSS | safilo.com