Il GruppoI MarchiInvestor RelationsMediaCareers

Siete in: Home > Media > Stampa > Comunicati Stampa

linkedin   Invia questa pagina a un amico  Stampa questa pagina

Comunicati Stampa


Cerca nell'archivio


È possibile selezionare i comunicati stampa
in base alla tipologia e/o per anno di diffusione.
I comunicati stampa sono accompagnati
da una selezione di immagini a corredo del comunicato.
 


Cerca


Tavola rotonda presso l’Auditorium Safilo a Padova in occasione dell’inaugurazione della Scuola Prodotto Safilo


23/10/2015

SAFILO, LA TRADIZIONE MANIFATTURIERA NELL'ORGANIZZAZIONE MULTINAZIONALE E IL SUO SVILUPPO

Tavola rotonda presso l'Auditorium Safilo a Padova in occasione dell'inaugurazione della Scuola Prodotto Safilo

Padova, 23 ottobre 2015 ? In occasione dell'inaugurazione della Scuola Prodotto, Safilo riunisce oggi studiosi, osservatori e rappresentanti dell'Industria e delle Associazioni di settore per parlare delle nuove forme di apprendistato che, inserite negli scenari produttivi internazionali, assumono un ruolo fondamentale per veicolare valori di qualit?, unicit? e personalizzazione dei prodotti. "Il Piano Strategico 2020 presentato da Safilo al mercato lo scorso marzo pone al centro la qualit? del prodotto, la capacit? creativa e la sapienza artigianale che trasformano un manufatto in un occhiale d'eccellenza con caratteristiche tecniche all'avanguardia. Questo ? possibile perch? Safilo viene da una lunga tradizione che risale al 1878 e si ? sviluppata proprio in un territorio dove passione e capacit? permeano le persone e dove esistono competenze diffuse", ha affermato Luisa Delgado, CEO di Safilo. Il valore della tradizione e la cultura del prodotto, trasferite in una dinamica virtuosa di innovazione e modernizzazione, rappresentano quindi gli elementi chiave del modello di business di Safilo, costantemente proiettato verso il futuro. Un modello che mira a valorizzare il legame di Safilo con il territorio nel segno dello sviluppo economico, dell'occupazione e delle opportunit? per i giovani di accedere a formazioni di mestiere, in un settore che continua a marcare segnali positivi su tutti i mercati internazionali. Al centro di questo piano strategico di Safilo si inserisce la nuova funzione di "Creazione prodotto", istituita per ottimizzare il dialogo e la sinergia tra i vari attori coinvolti nel processo di realizzazione delle collezioni. La definizione di un network di design studio in tutto il mondo permette poi di anticipare le tendenze, trasferendole in accessori unici, creati ad hoc per ogni mercato. "Il nostro ? un piano che prevede interventi principalmente destinati ai progetti di modernizzazione ed efficientamento della filiera produttiva e logistica, dell'integrazione dei processi attraverso l'Information Technology con importanti investimenti nel periodo per circa 260-280 milioni di Euro", ha continuato Luisa Delgado. "Tutto questo ? possibile perch? Safilo ha un grande heritage in cui si fondono le competenze delle nostre persone, le storie di creazione di prodotti che hanno innovato l'industria e che sono diventati DNA e patrimonio dell'azienda. Nostro compito ? di continuare a investire su questo, elevando ancora di pi? il nostro vantaggio competitivo. Sono certa che la squadra che abbiamo formato metter? a segno l'obiettivo". Per alimentare e rinnovare nel tempo queste competenze interne ? stata creata la Scuola Prodotto Safilo, un percorso di apprendistato triennale iniziato lo scorso mese di settembre con 9 giovani talenti, selezionati fra oltre 200 candidati e ai quali ? stata data l'opportunit? di imparare il Mestiere direttamente sul campo. L'obiettivo ? quello di formare i futuri Direttori Prodotto attraverso la conoscenza diretta e a 360? gradi di tutto il flusso creativo e produttivo, coinvolgendo nel processo formativo sia figure manageriali interne sia professionisti esterni. "Il passato e la tradizione sono intese come preziosa opportunit? e punto di partenza per l'innovazione, senza lasciare margini alla nostalgia", afferma Vladimiro Baldin, Global Product Design & Creation Officer di Safilo. "Le radici e il know-how di un'azienda come Safilo suggeriscono la necessit? di un passaggio osmotico dell'esperienza come valore di base per generare nuova energia e per assicurare all'azienda un substrato importante e solido, fondamenta essenziali per garantirsi futuro e innovazione in un mercato sempre pi? competitivo". Secondo Giulio Sapelli, economista e storico docente presso l'Universit? degli Studi di Milano, "l'apprendistato ? la concreta realizzazione dell'esperienza come virt? transitiva. Senza trasmissione tra generazioni, famiglie professionali, sistemi di status e di autorit?, l'esperienza non serve a nulla. Affiancare giovani e anziani possessori di conoscenze e aspiranti al conoscere ? la quintessenza dell'esperire ossia dell'apprendere, unendo cuore, intelletto, rapporto ergonomico con le macchine e con i loro linguaggi. La perfezione dell'operare ? l'onore dell'operaio come dell'ingegnere, entrambi operatori e trasformatori della relazione tra l'umano e il mondo tecnico che ci circonda. Ridare onore all'apprendere attraverso il fare, significa costruire futuro e identit? della persona e insieme della comunit? concreta che pu? essere l'impresa". L'esperienza e la trasmissione diretta dei propri saperi si traduce in riconoscibilit? e unicit? del prodotto, elementi che rappresentano per le aziende moderne un'opportunit? unica per competere sui mercati internazionali. Un esempio eccellente di traduzione del retaggio del passato in un linguaggio contemporaneo ? senz'ombra di dubbio Swatch, che ha reinventato gli orologi svizzeri, affidandosi a contaminazioni audaci e riuscendo cos? a trasmettere nuove emozioni. A questo proposito Carlo Giordanetti, Direttore Creativo di Swatch afferma: "Partendo dal DNA del marchio e insistendo sul valore dell'innovazione e della creativit? ?emozionale' per Swatch fin dall'inizio della sua storia, arriviamo a capire come uno dei valori fondamentali sia la variabile ?people'. Non solo il cliente, ma soprattutto le risorse interne sono fondamentali per un marchio che vive di emozioni per crescere in maniera organica specie all'interno di un'industria come quella orologiera, rimasta sostanzialmente tradizionale. Da qui l'importanza dell'apprendistato come scuola di vita, scambio di esperienze, fidelizzazione e veicolo di ?passione' e di orgoglio per il mestiere". Ci? che emerge quindi ? che la tradizione e la valorizzazione del proprio DNA, proiettati nel futuro grazie alla creativit?, all'innovazione e alla modernizzazione dei processi produttivi, sono i principi fondamentali su cui si basa il concetto contemporaneo di apprendistato e risultano determinanti nell'evoluzione e nel garantire il futuro dell'industria. Nel suo intervento Rodolfo Cetera, Vicepresidente Confindustria Padova e Presidente Giovani Industriali dichiara infatti: "La creativit? e l'innovazione sono il motore della crescita e il cuore della nostra industria. Valori che nell'esperienza di Safilo si traducono in cultura dell'artigianato industriale, fatto di know-how, maestria tecnica ed esclusivit?, coltivati grazie alla formazione dei giovani per accrescerne le competenze, farne emergere il talento e la propensione all'innovazione. Da Padova e dal Veneto, regione in cui ? pi? elevata la numerosit? delle imprese nelle filiere industriali, arriva la sfida a un'alleanza scuola-imprese per gestire insieme e non subire le trasformazioni dell'industria del futuro. Un impegno in cui crediamo e che rilanciamo con forza, anche grazie ad iniziative come la Scuola Prodotto Safilo, per far crescere le aziende e i giovani, il lavoro di qualit?, rendere competitivo ed attrattivo il territorio". Ruolo cruciale in questo sistema di innovazione ? quello tra l'industria e il mercato, il consumatore. In questo contesto Andrea Afragoli, Presidente di Federottica, precisa che "l'occhiale viene formalmente classificato come ?accessorio' fra i dispositivi medici e diviene, una volta assemblate le lenti correttive, un dispositivo medico su misura. Questa terminologia, certamente burocratica, esplicita per? l'intervento che si richiede all'operatore professionale di riferimento, ossia l'ottico optometrista, sul dispositivo stesso, modificandone in parte le caratteristiche per esigenze di adattamento. Coniugare tutto ci? con le istanze ormai imprescindibili di estetica e moda pu? sembrare arduo, ma ? questa la sfida che chi progetta e fabbrica occhiali vive ogni giorno". Una sfida che fondamentalmente consiste, come dichiara Vladimiro Baldin, in "una capacit? di sintesi, nel senso di riuscire a evocare con un accessorio di dimensioni limitate come gli occhiali visioni, emozioni, immagini, garantendo nel contempo la realizzazione di un prodotto credibile, funzionale e coerente sia con il brand, sia con i valori e le strategie dell'azienda". Tra gli obiettivi di Safilo vi ? anche quello di valorizzare l'heritage di Calalzo di Cadore, primo stabilimento storico di Safilo, inaugurato nel 1934 e che oggi ospita pi? di tremila occhiali della collezione dell'azienda, oltre a un archivio unico al mondo di oltre 250 mila paia di occhiali dalla fine del XIX secolo a oggi. La storia continua.
Ultima modifica: 26/10/2015, 12:29



© 2018 Safilo Group S.p.A. - P.IVA 02952600241. Riproduzione vietata.

Certificazioni | Accessibilità | Legal Disclaimer | Privacy Policy | Cookie Policy | Feedback | RSS | safilo.com